Skip to main content
Adeguati assetti organizzativi e tecnologia per prevenire la crisi d'impresa
DATA
9 Maggio 2024
#SOLUZIONI
Infrastruttura IT

Adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili: come la tecnologia ti aiuta a prevenire la crisi di impresa

Le recenti modifiche all’articolo 2086 del codice civile, inserite nel contesto del nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, introducono specifici obblighi per le imprese mirati a prevenire la crisi d’impresa. Questi obblighi sottolineano l’importanza di una corretta pianificazione aziendale e l’adozione di un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile. Il legislatore pone enfasi sul principio della continuità aziendale e sulla capacità dell’impresa di gestire le proprie obbligazioni pianificate, anticipando così eventuali situazioni di crisi.

L’assetto societario sarà considerato adeguato se permette all’azienda di prevedere, evitare e reagire tempestivamente a tutti i rischi che potrebbero compromettere la sua continuità. Le imprese devono, inoltre, conformarsi a normative nazionali ed europee in materia di anticorruzione, antiriciclaggio, privacy, cybersecurity, sicurezza sul lavoro e responsabilità penale degli enti.

Adeguati assetti organizzativi: partiamo dalla valutazione del modello gestionale

Per definire l’adeguatezza di assetti organizzativi, amministrativi e contabili, è bene partire da un’analisi del sistema gestionale aziendale.

L’analisi include primariamente lo studio del sistema informativo aziendale, fondamentale per garantire un flusso di informazioni efficace che sostenga le attività dell’azienda in linea con il suo modello di business. Un sistema informativo inadeguato può influenzare negativamente l’analisi delle strutture organizzative, nonché degli aspetti amministrativi e contabili. In questo contesto, assume particolare importanza il ruolo del responsabile dei sistemi informativi e il contributo di consulenti esterni specializzati.

Alcune domande da porsi per questa analisi preliminare sono:

  • L’impresa ha identificato un responsabile IT?
  • L’impresa è dotata di un sistema informativo integrato (ad esempio, un ERP o altro sistema meno complesso)?
  • Il sistema informativo dell’impresa è orientato ai suoi obiettivi?
  • Il sistema informativo consente a tutti i livelli flussi attendibili, chiari e tempestivi?
  • Sono presenti meccanismi di protezione rispetto a violazioni (interne e/o esterne) del sistema informativo?
  • Il sistema informativo consente la gestione e la protezione dei dati?
  • Quali sono i canali che il sistema informativo aziendale predilige? Email, Cartelle condivise, Software gestionale, Software Integrato (ERP)?
  • Il sistema informativo è funzionale al sistema di gestione del rischio dell’impresa?

Una volta identificate le aree di intervento nel sistema informativo della tua azienda, comprendere quanto una soluzione integrata di sistemi interconnessi fra di loro possa veramente fare la differenza sia per la tua attività che per la previsione della crisi aziendale è molto semplice.

Checklist adeguati assetti organizzativi: le soluzioni tecnologiche che supportano il rispetto dell’articolo 2086 del Codice Civile

La gestione efficiente e proattiva della documentazione e dei processi aziendali non è solo una questione di efficacia operativa, ma anche di conformità legale. L’articolo 2086 del Codice Civile italiano, recentemente aggiornato dal Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, sottolinea l’importanza per gli imprenditori di adottare un sistema di organizzazione adeguato per prevenire la crisi aziendale e garantire la solvibilità.

Una soluzione tecnologica che integra registrazione dati, gestione documentale, software di Business Process Management (BPM), gestionale aziendale e adeguati strumenti di analisi dei dati, emerge come strumento cruciale per rispettare i dettami dell’articolo 2086. Ecco come:

1 – Registrazione e gestione documentale

La capacità di registrare richieste di preventivo o ordini anche da un portale online e gestirle efficientemente attraverso un sistema di gestione documentale è fondamentale. Questo non solo semplifica la ricerca e l’accesso ai documenti ma garantisce anche che ogni fase delle transazioni aziendali sia accuratamente documentata, contribuendo alla trasparenza e alla tracciabilità richieste dalla normativa.

2 – Software di business process management (BPM)

Collegando il sistema di gestione documentale a un software di BPM, le aziende possono ottimizzare e automatizzare i flussi di lavoro. Questo non solo incrementa l’efficienza ma aiuta anche a identificare e mitigare i rischi operativi che potrebbero portare a una crisi finanziaria, assicurando che le pratiche operative siano in linea con gli standard richiesti dal nuovo codice.

3 – Integrazione con il gestionale aziendale

L’integrazione con un gestionale aziendale consente una visione olistica delle operazioni, dalla gestione delle risorse finanziarie alla pianificazione delle risorse aziendali. Questa integrazione assicura che tutte le decisioni operative siano informate e basate su dati accurati, fondamentale per il rispetto dell’obbligo di prevenzione della crisi d’impresa.

4 – PowerBI e l’analisi dati

L’uso di strumenti avanzati di Business Intelligence come Power BI permette alle aziende di interpretare grandi volumi di dati e trasformarli in insights azionabili. Questa capacità di analisi supporta la direzione nell’identificazione tempestiva di segnali di crisi, consentendo interventi proattivi e informando strategie di risanamento efficaci.

Adottando una soluzione tecnologica integrata che copre dalla registrazione dei dati alla loro analisi avanzata, le aziende non solo ottimizzano le loro operazioni quotidiane, ma si pongono in linea con gli obblighi normativi introdotti dal nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza. Tale infrastruttura consente un controllo più stretto e una maggiore reattività di fronte alle dinamiche di mercato, essenziale per il mantenimento della solvibilità e la prevenzione della crisi aziendale, come richiesto dall’articolo 2086 del Codice Civile.

Flow Your Business: parliamo insieme degli adeguati assetti organizzativi

Parliamone insieme all’evento Flow Your Business – giovedì 6 giugno 2024 presso Hotel Le Terrazze, Villorba (TV).

All’evento, incentrato sulle modifiche introdotte al Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, verrà presentata la soluzione integrata composta da gestionale documentale-BPM-software di analisi dati. Vedremo insieme a esperti del settore come questa soluzione organizzativa rappresenta un valido strumento per monitorare le prestazioni aziendali e individuare tempestivamente le aree di crisi.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione a questo link.